#Degustazione, meglio gusto o olfatto?

Want create site? With Free visual composer you can do it easy.

Come comportarsi davanti ad un buon calice di vino? In realtà abbiamo già approfondito precedentemente sulle linee generali di degustazione o su come scegliere una buona bottiglia di vino; ma sul come stabilirne la qualità all’assaggio, quando siamo a tavola o durante un aperitivo con gli amici, rimane un gran punto interrogativo. Possiamo fidarci ciecamente della bontà oppure fingerci intenditori per una notte e mimare i gesti che di consueto si compie, ma sarebbe meglio andare a fondo ed evitare “figuracce”.  Prima di emettere giudizi poco credibili impariamo a conoscere meglio i nostri “strumenti” e come funzionano.

red wine

Il gusto è il risultato della bevanda a contatto con la nostra bocca, una reazione immediata. Grazie alle papille gustative presenti sulla nostra lingua, questo senso riconosce i profili di degustazione: cioè se si viene a contatto con qualcosa di dolce, amaro, acido, salato, grasso o umami, un gusto sapido piacevole che viene dal glutammato e da diversi ribonucleotidi che si trovano naturalmente in carne, pesce, verdura e prodotti lattiero-caseari. Con il palato invece si percepiscono le sensazioni tramite alcune terminazioni nervose della cavità orale: temperature, corposità e il piccante. Sembra tutto molto tecnico, ma solo a parole, perché sono tutte azioni che pratichiamo automaticamente .

Per capire la funzione dell’olfatto quando ci si trova a sorseggiare un vino, invece, basta prestare attenzione a tutti i profumi che si sollevano nell’aria fino a quando non si aspirano definitivamente, quando cioè si introduce il naso nel calice: quello è il momento in cui viene avviata una prima conoscenza di ciò che si sta per assaggiare. Esistono due modi per sentire l’odore: attraverso le nostre narici o per la cavità retro-nasale.

red wine

E allora, gusto o olfatto? Anche se l’istinto ci portasse quasi certamente a rispondere a favore della prima, ci sono studi che confermano la predominanza del secondo senso. L’80% del sapore viene percepito grazie alle nostre capacità olfattive e solo il 20% dalla lingua, quindi l’acidità, la dolcezza o meno del vino…

Ci vuole naso, insomma! L’avreste mai detto?

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.