Qui Porto di Mola, il Galluccio DOP

Ci sono varietà di vini che sentiamo nostri, molto familiari, come se ci scorressero nelle vene: il Galluccio è sicuramente uno di questi. Nasce dal nostro territorio, dalle uve di Aglianico e Falanghina, due vigneti campani tra i più antichi della tradizione vinicola nostrana. E’ noto che la coltivazione della vite in Campania è un’attività risalente all’età classica: un’area eccezionale, questa, e ciò è dimostrato da quanto si può notare percorrendo la S.S. Casilina, dove è ancora possibile incontrare vecchi insediamenti agricoli dell’età romana.

 

Il Galluccio Rosso si produce per il 70 % da uve Aglianico: un vitigno reintrodotto negli anni 50 nei terreni intorno al vulcano di Roccamonfina, è oggi alla base di questa dop, nata nel 1997. Di origine antichissima, questo vitigno rappresenta, con Sangiovese e Nebbiolo, la massima espressione della viticoltura autoctona in Italia. Il Galluccio Rosso è un vino color rubino, dall’odore gradevole, delicato, armonico e speziato, con sentori di erbe e frutti di bosco; perfetto con arrosti di piccola selvaggina, arrosti di carne e formaggi piccanti.

 

Il Galluccio Bianco invece si ottiene al 70% da uve Falanghina, anche questo un vitigno molto antico, diffuso in tutta la Campania ed in grado di assumere perciò diverse connotazioni a secondo del territorio. Ne esce un vino color giallo paglierino, dall’odore intenso, fruttato, secco ed armonico; si abbina bene con timballi, calamari in umido, fritture leggere e pesce alla griglia. E’ il vino bianco storico dell’azienda: dalla pressatura alla vinificazione, tutte le operazioni sono tali da conservare le caratteristiche del vitigno: un prodotto tradizionale che rappresenta al meglio il territorio d’origine.

Raggiungete la nostra azienda per una visita e assaggiate questi vini di persona. Saremo ben lieti di accogliervi per sorseggiare questo..ed altri vini.

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp